Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 09/09/2018
9:00 - 12:00

Luogo
Centro di Ricerca, Documentazione e Promozione del Padule di Fucecchio

Categorie


Riserva Naturale del Padule di Fucecchio

Un percorso per gli amanti della natura, che consente di ammirare paesaggi suggestivi ed offre anche elementi di interesse paesaggistico e storico.
Si parte dal Centro Visite di Castelmartini, che ospita la mostra di disegno naturalistico dei pittori AIPAN; nelle immediate vicinanze si trova il monumento, realizzato dall’artista Gino Terreni, che ricorda il barbaro eccidio del 23 agosto 1944.
Da qui una piacevole passeggiata su strada pianeggiante, adatta veramente a tutti, porta il visitatore verso il Padule di Fucecchio, attraversando tipici paesaggi toscani e per un lungo tratto anche il prezioso Bosco di Chiusi con le sue querce secolari.
Arrivati all’antico Porto de Le Morette, che prende il nome dall’ormai rara Moretta tabaccata, si prosegue verso l’osservatorio faunistico dell’area protetta.

Difficoltà: nessuna.
Attrezzatura: scarponcini da trekking e binocolo.
Quota di adesione: € 6,00 (€ 4,00 fino a 18 anni).

L’escursione rientra nel programma di visite guidate nel Padule di Fucecchio e e negli ambienti naturali vicini organizzate dal Centro R.D.P. Padule di Fucecchio; le visite, che si svolgono nei fine settimana, sono aperte a tutti gli interessati e sono sempre condotte da una Guida Ambientale autorizzata ai sensi della Legge Regionale 14/2005.

Visite guidate in altre date possono essere concordate per i gruppi e per le classi scolastiche, che possono anche usufruire del laboratorio didattico attrezzato di Castelmartini.

Per partecipare è sempre necessario iscriversi: le visite sono a numero chiuso, e si consiglia di chiamare entro il venerdì.

Per informazioni e prenotazioni: Centro R.D.P. Padule di Fucecchio Onlus, tel. 0573/84540, e-mail  fucecchio@zoneumidetoscane.it

Il calendario completo delle visite guidate 2018 è su http://www.paduledifucecchio.eu

Nell’immagine: osservatorio Le Morette (foto Enrico Zarri).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.