Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 03/03/2018
21:00

Luogo
Teatro Yves Montand di Monsummano Terme

Categorie


di Rosanna Magrini

con Lorenzo Bartolini e Stefano Tognarelli

musiche Alessio Chiappelli

Mimesis associazione culturale

Uno spettacolo di teatro civile che combina satira e poesia, denuncia e intrattenimento, per raccontare la storia di un armadio.

Non si tratta di un armadio qualunque. Dentro questo armadio, sono stati nascosti per oltre mezzo secolo i fascicoli contenenti i nomi dei responsabili nazifascisti delle centinaia di stragi, da Sant’Anna di Stazzema, passando dal Padule di Fucecchio, fino a Marzabotto, che hanno insanguinato il nostro Paese tra il 1943 e il 1945. Migliaia di vittime civili, gente senz’armi, trucidati in base alla feroce legge del più forte. E grazie a questo armadio gli assassini hanno potuto invecchiare impuniti.

A partire dagli atti dei processi avviati dopo il ‘miracoloso’ ritrovamento dei fascicoli datato 1994 e dalle relazioni redatte al termine delle indagini sul loro occultamento, prende vita la drammaturgia dello spettacolo, creando collegamenti tra immagini, documenti, memorie, ricerche di storici, video e musiche, per raccontare di una giustizia che ha dovuto aspettare decenni e che ci trova, ancora oggi, impreparati ad accoglierla.

MIMESIS nasce nel 2007. Il nucleo artistico è composto da Rosanna Magrini e Stefano Tognarelli, rispettivamente drammaturga/regista e attore. I loro spettacoli fondono satira e poesia, denuncia e intrattenimento, riflessione storico-politica e qualche volta anche ‘da mangiare’, per ribadire la necessità di un teatro che sia strumento di conoscenza e al tempo stesso luogo deputato ad una possibile rifondazione di un senso forte dei valori del vivere comune.

La loro storia inizia a Bologna e,dopo le prime esperienze universitarie, Mimesis avvia il proprio percorso professionale sotto la guida del regista Claudio Longhi, affiancati dall’attore Lino Guanciale. Numerosi sono stati gli incontri e le collaborazioni nel corso degli anni, ma la più significativa è stata senza dubbio quella con Edoardo Sanguineti, personalità che ha segnato e profondamente ispirato la compagnia sin dalla produzione dello spettacolo Prendi un piccolo fatto vero. Oltre alla produzione di spettacoli, Mimesis dedica un ampio spazio a progetti ed attività che si propongono come preziosi congegni per la diffusione dei saperi e, soprattutto, come strumento per la formazione di un pubblico consapevole. I nostri progetti formativi coinvolgono principalmente le scuole e negli anni abbiamo avviato collaborazioni con numerosi enti pubblici delle province di Pisa e Pistoia. In particolare dal 2009 siamo responsabili di un progetto sulla memoria storica nel Comune di Monsummano Terme. Il progetto coinvolge tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio e ogni anno vede la partecipazione di circa 800 ragazzi. Il progetto ha avuto un riconoscimento come progetto d’eccellenza dalla Regione Toscana.

Visita la stagione del Teatro Montand www.teatridipistoia.it 

Vai alla pagina dello spettacolo Ragione di Stato

BIGLIETTERIA Teatro Yves Montand 0572 954474 dalle 16.30 alle 19.30 solo nei giorni di campagna abbonamenti e prevendita. Durante la stagione sarà aperta il giorno precedente lo spettacolo (16.30/19.30) e il giorno della rappresentazione (16.30/19.30 e mezz’ora prima dell’inizio). I biglietti per gli spettacoli in abbonamento si prenotano e si acquistano anche alla Biglietteria del Teatro Manzoni di Pistoia 0573 991609 – 27112 (dal martedì al giovedì 16/19; venerdì e sabato 11/13 e 16/19).

Prevendita on line: www.teatridipistoia.it   www.boxol.it   www.boxofficetoscana.it

L’Associazione Teatrale Pistoiese è Centro di Produzione Teatrale riconosciuto dal Ministero dei beni e delle attività culturali per il triennio 2015/2017 e Ente di Rilevanza Regionale per lo spettacolo dal vivo. Con la sua articolata architettura incentrata su ospitalità, produzione, formazione, residenze e progetti interdisciplinari, costituisce un modello di sistema teatrale territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.