Escursioni sulla Montagna Pistoiese

La legge nazionale n. 91/1963 “Riordinamento del Club Alpino Italiano” e la sua successiva modificazione n.776/85 “Nuove disposizioni sul Club Alpino Italiano” sanciscono, tra l’altro, che il Club Alpino Italiano (C.A.I.) provvede “al tracciamento, alla realizzazione e alla manutenzione dei sentieri nonché all’organizzazione e gestione di corsi d’addestramento per l’attività escursionistica”.

Va quindi al Club Alpino Italiano il grande merito di aver realizzato, a livello nazionale, una rete escursionistica segnalata ed oggetto di regolare manutenzione fondamentale per la gestione e la pianificazione del territorio oltre che per lo sviluppo sostenibile e la Protezione Civile.
Questo insieme di tracciati con forte valenza locale è parte integrante della cosiddetta “viabilità minore” e costituisce uno strumento di promozione di un tipo di turismo naturalistico e sportivo che negli ultimi anni ha registrato forti livelli di crescita ma che necessità però di una cartografia aggiornata, omogenea e facilmente reperibile.

La Provincia di Pistoia, consapevole che l’insieme dei sentieri gestiti dal Club Alpino Italiano costituisce un patrimonio di grande valore per l’escursionismo oltre a rappresentare un’indispensabile infrastruttura per il presidio dell’ambiente ha deciso di provvedere, in collaborazione con le Sezioni C.A.I. interessate, ad una completa revisione della rete escursionistica presente sul territorio di competenza al fine di costituire un database cartografico aggiornato e facilmente fruibile anche a livello telematico.
A questa opera di controllo e revisione hanno aderito le Sezioni C.A.I. di Maresca e Pistoia, oltre ad altre Sezioni del Club Alpino Italiano che, pur non facendo parte della Provincia di Pistoia, hanno sentieri di propria competenza che vi ricadono, e più precisamente le Sezioni di Modena, Prato e Porretta Terme.
Con Decreto del Presidente della Provincia di Pistoia n.260 del 02/12/2016 è stato approvato lo schema di convenzione poi completato e sottoscritto nel Luglio 2017 dalle Sezioni C.A.I. aderenti. La realizzazione del progetto, che ha richiesto un enorme impegno per la mappatura digitale di tutti i sentieri, ha permesso, tra l’altro, di rendere pubblici i tracciati della rete sentieristica gestita dal Club Alpino Italiano nella Provincia di Pistoia a costo zero per la collettività.

Ogni sentiero è stato percorso con l’ausilio di un apparecchio GPS dedicato in modo da avere il reale sviluppo del tracciato sul terreno, il quale è stato poi confrontato con i dati relativi alle diverse basi cartografiche disponibili (Carta Tecnica Regionale, Carte Catastali, Rilievi LIDAR) al fine di ottenerne l’andamento esatto e georiferito, ovvero orientato nello spazio in base al sistema di coordinate geodetico EPSG4326-WGS84.
Per ogni sentiero sono indicati:
– Numero del sentiero
– Sezione C.A.I. di competenza
– Elenco delle località attraversate, comprensivo di innesti in altri sentieri
– Lunghezza
– Tempo di percorrenza (a piedi)
– Grado di difficoltà
– Ambito di appartenenza del sentiero

Anche per i rifugi è disponibile una serie di informazioni che vanno dal tipo di ospitalità offerta (cucina, ristorante) al numero dei posti letto disponibili e periodi di apertura, oltre alla Sezione C.A.I. di competenza alla quale rivolgersi per informazioni e prenotazioni.
E’ inoltre possibile scegliere tra due diversi tipi di cartografia di base, lo stradario con i nomi delle vie oppure le foto aeree a colori e con etichette dei toponimi più importanti.

I dati presenti in mappa sono di proprietà delle Sezioni del Club Alpino Italiano cui compete la certificazione della qualità e attendibilità dai dati stessi e sono utilizzabili con licenza d’uso CC-BY-SA, secondo quanto previsto dal Decreto Dirigenziale Regione Toscana n. 663/2014.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.