Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 10/03/2018
17:00 - 18:00

Luogo
Il Funaro Centro Culturale

Categorie



K COME KOSIMO

Blanca Teatro

al Funaro di Pistoia
sabato 10 Marzo 2018 ore 17.00

testo e regia Virginia Martini
musiche originali Matteo Procuranti

con Giovanni Carli, Marta Sinacori, Matteo Procuranti

Parlare di “rivoluzione” ai bambini si può? Si deve! Perché è il primo NO che diciamo da piccoli, ai nostri genitori o forse a scuola o magari ad un compagno prepotente, la rivoluzione più dura da compiere. Quel  primo piccolo grande NO e le conseguenze che ne deriveranno, “segnano” in qualche modo il nostro futuro, il nostro rapportarci con le scelte della vita, con l’assunzione di responsabilità, con la capacità di sostenere il nostro punto di vista, il nostro rapporto intimo con il concetto di giustizia.

Lo spettacolo è ispirato a “Il Barone Rampante” di Italo Calvino e racconta la storia del piccolo Cosimo a cui il noto autore ha riservato un destino “speciale”: dopo l’ennesima, sottile ma innegabilmente ingiusta, imposizione da parte del rigido contesto familiare, Cosimo abbandona la tavola paterna rifiutandosi di mangiare un piatto di lumache e si rifugia sugli alberi. La cosa straordinaria di questa favola ambientata nel 1700, è che dagli alberi non scenderà mai più. Attraverso il nostro Cosimo guardiamo il mondo da una prospettiva nuova, “dall’alto di un albero” dove trascorrerà una vita tutt’altro che monotona, anzi piena di avventure, e  tutt’altro che da eremita coltivando la sua passione per il genere umano e i rapporti con gli altri ma non dando a nessuno la soddisfazione di scendere, mai, perché difese sempre, con amore, la sua idea.

Lo spettacolo, cantato dal vivo, pone l’attenzione su alcuni temi in particolare:

– il rapporto con la natura (il rapporto con gli animali, il rispetto per tutti gli esseri viventi , l’equilibrio con gli eventi naturali)

– la solidarietà e l’amicizia (il rapporto con il fratello Biagio, l’amicizia con i ragazzi della “banda della frutta” , la rinuncia ai privilegi della propria condizione di nobile in nome di valori solidali con gli altri esseri umani al di là della propria condizione economica e/o sociale)

– l’amore per la cultura contrapposta alla forza e alla violenza ( l’amicizia con il brigante Gian dei Brughi e la trasmissione della passione per la lettura e i libri)

– il senso della giustizia e la coerenza delle proprie azioni ( la rinuncia al benessere futile e  comodo in favore invece dell’amore e della difesa delle proprie convinzioni)

Durata dello spettacolo: 50 minuti
Per bambini da 4 anni e per tutti.

Per informazioni scrivere a info@ilfunaro.org o telefonare allo 0573 977 225.

Cos’è il Funaro? Guarda qui per scoprirlo!
Se vuoi scoprire cosa c’è in programma nel 2018 segui il link https://www.slideshare.net/elisasirianni923

www.ilfunaro.org

Fondato da Antonella Carrara, Mirella Corso, Lisa Cantini e Francesca Giaconi, il Funaro Centro Culturale nasce nel 2009 e nel 2012 gli vengono riconosciuti il Premio Speciale Ubu e il Premio dell'Associazione Nazionale Critici di Teatro Un complesso edilizio di 900 mq che comprende uffici, una sala teatrale, due sale prove, una caffetteria, una biblioteca/centro di documentazione, anche sede del Fondo Andres Neumann, e una residenza per artisti e allievi di Laboratori con diciotto posti letto. Le attività del Funaro sono incentrate sulla programmazione di spettacoli, la formazione per professionisti e non, le residenze teatrali, e progetti di varia natura con uno sguardo attento al panorama internazionale declinandolo sull'identità del territorio. Il tentativo di strutturare un'identità con tali caratteristiche nasce di un'idea di teatro come possibilità concreta di scambio e dialogo con il pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.