LA “TERRA DI SAN MARCELLO” – LA MONTAGNA PISTOIESE TRA REPUBBLICA E PRINCIPATO – LA STORIA

La battaglia di Gavinana, durante la quale il 3 agosto del 1530 venne ferito, catturato e ucciso il capitano delle milizie della Repubblica fiorentina Francesco Ferrucci (ad opera del comandante nemico Fabrizio Maramaldo), segna uno spartiacque fondamentale nella storia della Toscana.

Essa prelude alla caduta dell’assediata città di Firenze e al definitivo ritorno al potere della famiglia Medici, grazie al ruolo svolto dal papa Clemente VII e alla protezione dell’imperatore Carlo V, aprendo la strada al passaggio dall’età repubblicana al principato mediceo, consolidato dal duca Cosimo I intorno alla metà del secolo XVI.

Anche per la Montagna pistoiese il conflitto che si risolse con lo scontro di Gavinana rappresenta un momento di svolta: segna in qualche modo la fine del lungo periodo di turbolenze e di contrasti tra le diverse fazioni che cercavano di controllare Pistoia e il suo territorio, e l’avvio della lunga ‘pax cosimiana’, contraddistinta da forme di sfruttamento economico e politico non indifferenti, ma anche da precise strategie di sviluppo, prima fra tutte, l’introduzione dell’industria siderurgica che sarà impiantata in varie località della Montagna e che avrà uno dei suoi centri operativi a Maresca.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.