L’itinerario è interamente compreso nel Comune di Quarrata.
L’area intorno al lago del Santonuovo fa parte di un complesso privato ad accesso regolamentato.
Località interessate: La Magia, Santonuovo, Monte Magno, Sorgente Tacinaia, Fagiana Alta.

Livello difficoltà: basso.
Tempo di percorrenza ca. 4h.
Dislivello complessivo ca. 500 m.
Altitudine tra 58 e 337 m s.l.m.

Per arrivare in auto: per chi arriva da Firenze, uscita autostradale Prato Ovest seguendo le indicazioni Quarrata; dalla Val di Nievole, scollinato il San Baronto prendere il bivio per Quarrata presso Casalguidi. In prossimità di Quarrata seguire le indicazioni per Villa La Magia e sostare nell’ampio parcheggio dal quale si accede direttamente al sentiero.

DESCRIZIONE DEL PERCORSO
Dalla splendida Villa della Magia (m 73) attraversiamo il parco con lecci, pini e numerose piante esotiche e l’ANPIL che comprende boschi sub- acidofili, con cerro prevalente e residui di Pinus pinaster, oramai sterminato quasi totalmente dall’insetto esotico denominato “cimicione”, uniti a piante di Fraxinus ornus (orniello), Sorbus torminalis (ciavardello), Acer campestre, Quercus ilex e Arbutus unedo (corbezzolo).
Il sottobosco è caratterizzato da Calluna vulgaris (brugo), Ulex europaeus (ginestrone), Cytisus scoparius (ginestra dei carbonai), Erica scoparia e Ruscus aculeatus (pungitopo). Questa tipologia è presente anche nel SIC Bosco di Chiusi e Paduletta di Ramone presso Larciano e il Padule di Fucecchio, e intorno al Lago del Santonuovo.
Nell’ANPIL della Magia vi sono inoltre rare e piccole nicchie di torbiere acide con presenza di sfagni relitti dell’ultima glaciazione.
Attraverso vigneti e uliveti si raggiunge la località Santonuovo (m 58), con altri boschi privati interessanti dal punto di vista micologico. In prossimità del lago si estende un bosco di querce con presenza di cisti e, nonostante l’elevatissimo impatto antropico, il sito riveste una notevole importanza micologica per la presenza di rare specie mediterranee.
L’itinerario inizia a salire il Montalbano e lungo la strada per Monte Magno possiamo raggiungere la località di Lucciano (m 132); da qui si prende il sentiero segnalato FIE in direzione Montorio e Buriano. Da Buriano (m 201), attraverso uliveti e boschetti si può raggiungere la Sorgente di Tacinaia e terminare il nostro itinerario a Fagiana Alta (m 337), dove troviamo interessanti boschi di quercia, castagno, pino e leccio alternati ad uliveti e boschetti con cipressi.
Da Fagiana Alta si può tornare a Quarrata, presso il nostro punto di partenza, ritornando a Buriano o scendendo da Tacinaia per Case Folonica. Inoltre, sempre da Fagiana Alta in direzione Spazzavanto, verso Colle, Isola e Seano, si possono incontrare altri boschetti piuttosto interessanti per la crescita di importanti specie fungine.
Periodo consigliato: Aprile-Maggio e Ottobre-Dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.