Le montagne in quanto ostacoli naturali sono spesso considerate delle frontiere destinate a separare realtà contrapposte. Ma le zone di confine non possono essere pensate solo come elementi separatori: esse vanno invece viste, nelle loro caratteristiche salienti, come “centri di espansione e d’irraggiamento, piccoli mondi dotati di un proprio valore e capaci di attrarre, di legare fra di loro, strettamente, uomini e paesi” (Febvre).
Tra gli elementi distintivi delle zone di confine, specialmente di montagna, vi erano – e sono tuttora riconoscibili – le strade che portano ai valichi; i luoghi di accoglienza dei viandanti (chiese, ospizi e locande); le dogane e le altre strutture di controllo militari e/o commerciali.
L’ambiente montano, specie nel passato, ma non solo, era contraddistinto da insediamenti umani accentrati (castelli e borghi), dalla presenza di estensioni boschive, di pascoli e praterie, da torrenti e corsi d’acqua punteggiati da opifici e da una fitta rete di sentieri. Su tutto dominava – e ancora domina – “l’alpe”, confine naturale valicabile a seconda dei vari periodi dell’anno.
Le testimonianze della cultura materiale, le tradizioni e i racconti popolari e le stesse relazioni dei funzionari governativi ci parlano di un mondo difficile e di scarse risorse.
La cartografia storica, notevole anche sotto il profilo estetico, ci permette, quasi fosse una “istantanea” che viene dal passato, di visualizzare il “paesaggio” montano così come si presentava in antico, fino alle trasformazioni dell’età moderna.
Traendo spunto da questo ricco patrimonio documentario, il progetto “Gli antichi Confini della Montagna Pistoiese” si propone come punto d’incontro tra le istanze della ricerca storica e le moderne esigenze del turismo culturale e sportivo, così come della didattica, auspicando un presidio dei caratteri originari del territorio e una coscienza realmente ecologica, partecipata e consapevole.

I 7 percorsi del progetto …
L’ABETONE E LA STRADA XIMENIANA
VERSO LA LUCCHESIA: POPIGLIO E LA VAL DI LIMA
AL CONFINE TRA PISTOIA E BOLOGNA: I MONTI DELL’ORSIGNA
SULLA “VIA LOMBARDA” VERSO MODENA E BOLOGNA
TRA LUCCA, MODENA E PISTOIA: L’ALPE DELLE TRE POTENZE
LA “TERRA DI SAN MARCELLO” – MONTAGNA PISTOIESE TRA REPUBBLICA E PRINCIPATO
VERSO BOLOGNA: SAMBUCA E LE VALLI DELLE LIMENTRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.